Livorno – 8 maggio. Si è inaugurato l’ampio “playground”, ossia il parco giochi, che il Rotary Club Livorno Mascagni ha donato al Parco del Mulino. Altalene, scivolo, spazio per arrampicate in tutta sicurezza ed architetture che lasciano alla fantasia dei piccini tutto lo spazio per immaginare situazioni e luoghi che solo l’infanzia può vedere.
La solida struttura va a completare un’ampia zona verde che la Cooperativa Sociale Parco del Mulino, diretta emanazione dell’Associazione Italiana Persone Down (AIPD), utilizza per promuovere eventi della più diversa natura. Feste di compleanno e matrimoni, convegni e riunioni di enti ed associazioni trovano spazio nella struttura di via Fontani, proprio accanto alla Chiesa dell’Apparizione, che è gestita in prima persona da ragazzi e ragazze con disabilità. I soci della cooperativa si occupano del servizio bar, della sistemazione del parco e collaborano fattivamente al mantenimento del bed & breakfast inaugurato di recente e del parcheggio camper annesso all’area.
Un caso di integrazione sociale che, come spiega Marco Paoletti, Presidente della Cooperativa, rappresenta un esempio che molte altre realtà stanno prendendo a modello.
Un’eccellenza cittadina che il Rotary Mascagni, sodalizio di imprenditori e professionisti impegnati nel sociale, sostiene da sempre. Federica Genovesi, Presidente del Club, ha spiegato che quest’anno i proventi del mercatino di Natale, organizzato dalle signore, sono stati impiegati per l’acquisto e l’installazione del playground, che rende ancora più appetibile il Parco del Mulino e contribuisce in questo modo a mantenere stabile e duraturo il lavoro dei ragazzi della cooperativa.
Gianluca Neri, Presidente dell’AIPD ha ringraziato tutti per il lavoro svolto ed ha auspicato una continuità nell’impegno per il futuro benessere dei ragazzi.
Il Rotary è un movimento internazionale che ha come scopo il service, ovvero un aiuto concreto al miglioramento delle condizioni di vita degli esseri umani. “Il Rotary non fa beneficienza, ma cerca di rimuovere le cause che la rendono necessaria” è la parola d’ordine del sodalizio che si concretizza nella fornitura di beni e servizi che possono aiutare stabilmente chi è impegnato nel sociale. È questo lo spirito che ha animato l’organizzazione del mercatino e la raccolta dei fondi necessari all’acquisto e all’installazione del playground.
I soci della Cooperativa Sociale Parco del Mulino sono cresciuti numericamente negli anni recenti e, nonostante la crisi economica, sono riusciti a mantenere e a sviluppare le attività. È da sottolineare che il lavoro al Parco è vario e poco ripetitivo, proprio allo scopo di fungere da stimolo e sprone per le persone con disabilità che ne sono coinvolte, evitando, per quanto possibile, appiattimento e ripetitività.
Questo non è un punto di arrivo. Grazie anche alla solidarietà del Rotary Mascagni, impegnato da molti anni a sostenere il Parco del Mulino, altri Club di service cittadini si adoperano in aiuti concreti e durevoli. E grazie a questi supporti il Parco del Mulino può vivere e perseguire l’obiettivo, forse ambizioso, di far lavorare chi possiede abilità diverse. È attraverso il lavoro che ogni essere umano ottiene e mantiene la propria dignità, qualunque sia il suo grado di abilità ed il suo stato personale.

Leave a Reply